UNA CROCE DI LUCE. 1700 ANNI DALL'EDITTO DI COSTANTINO

L'allestimento ripercorre e consolida la filosofia progettuale legata all'inserimento di materiali contemporanei (lamine leggere in policarbonato o acriditre) all'interno del costruito storico, mutuando concetti provenienti pi¨ direttamente dal campo della conservazione e della teoria del restauro secondo cui l'innovazione deve "scontrarsi" con la tradizione, a patto che la prima sia sempre in secondo ordine e subordinata alla seconda, esaltando in tal senso sia il contenitore (la chiesa) sia il contenuto (gli oggetti in mostra). Inoltre in questa esperienza, pi¨ che di allestimento ci piace usare il termine "istallazione", non per paragonarci ad artisti pi¨ o meno noti, ma semplicemente perchÚ la grande cascata di luce (generata da oltre 100m lineari di tubi di policarbonato con all'interno strisce led sorretti da sottili barre di acciaio tensionabili e modellabili) seppur pensata e modellata a disegno, Ŕ stata creata direttamente sul posto interfacciandosi realmente con le opere e in alcuni momenti diventando parte integrante o ideale proseguimento delle stesse e del percorso espositivo, guidando il visitatore con la luce. Luce che genera la croce del grande Cristo snodabile di Entracque e che, accompagnando lo sguardo attraverso le opere esposte nell'aula liturgica, giunge nella parte pi¨ sacra dell'edificio, il Presbiterio, luogo deputato ad accogliere le croci, sempre in contrapposizione tra storico e contemporaneo, in cui la luce ha funzione di basamento per le croci astili e di supporto per le croci ad appoggio. Croce di luce quale significato storico ripreso idealmente e perseguito con forza nell'allestimento e nella grafica. Istallazione resa possibile ancora una volta grazie alla tecnicitÓ, bravura e consapevolezza di dare forma a qualcosa di importante frutto di un lungo percorso storico-artistico, della ditta Portarredi Mondový, Castelmar di Cuneo, affiancate dal Meridiante per la logistica.

 

Per visualizzare l'articolo pubblicato da Rendiconti Cuneo 2013 clicca qui

 

Anno 2013

Opera realizzata con il contributo di:

Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo

Fondazione Cassa di Risparmio di Torino

Compagnia di San Paolo

Imprese:

Portarredi di Quintino Porta

Castelmar Impianti Elettrici

Il Meridiante di Giuseppe Gennusa